Ernia ombelicale nel neonato: sintomi e cure

L’ernia ombelicale può sembrare per molte mamme un problema grave, problema che può creare stress e preoccupazioni del tutto ingiustificate: vediamo insieme di cosa si tratta, come riconoscerlo attraverso i sintomi e come curare l’ernia ombelicale nel neonato.

Che cos’è un Ernia ombelicale
L’ernia ombelicale è problemino che può presentarsi durante la cicatrizzazione del moncone del cordone, il moncone che una volta “caduto” diverrà il classico ombelico sul pancino del piccolo. Per le neomamme sapere che il proprio neonato ha qualcosa che non và, se pur problema di piccolissima entità, può creare preoccupazione, preoccupazione che è bene dissipare subito, vediamo i sintomi.

Sintomi dell’Ernia ombelicale
In genere l’ernia si presenta come un rigonfiamento di dimensioni contenute all’altezza dell’ombelico: andiamo da circa 1 o 2 centimetri di diametro, fino ai 5 centrimetri di diametro. In pratica il problema è collegato alla micro ferita che rimane al posto del cordone ombelicale

Cause dell’Ernia ombelicale
Durante la gravidanza il cordone ombelicale porta nutrimento al piccolo attraverso una sorta di porticina denominata “anello ombelicale”: dopo la nascita, nel giro di qualche settimane, tale apertura è destinata a sparire ma, talvolta, questo non avviene lasciando aperto un piccolo spiraglio.

Proprio da questo spiraglio l’intestino potrebbe uscire leggermente, causando un piccolo gonfiore, gonfiore che viene chiamato appunto Ernia ombelicale: l’ernia tende a ingrossarsi durante gli sforzi del piccolo, sforzi che avvengono durante lunghi pianti o durante l’evacuazione.

Come curare l’Ernia ombelicale
Una vera cura per questo tipo di problema non esiste: questo perchè non occorre intervenire in alcun modo per risolvere il problema.
Se l’ernia fosse di piccole dimensioni, quindi 1 o 2 centimetri, nel giro di poche settimane l’ernia sparirà anche grazie allo sviluppo dei muscoli della zona addominale.
Se l’ernia invece fosse di dimensioni più ampie, 4 o 5 cm, potrebbe protrarsi per diversi mesi se non anni: se entro i 4 o 5 anni il problema non fosse risolto in modo naturale, si potrebbe ricorrere ad un intervento chirurgico mirato.
I p

Come sempre vi consigliamo di consultare il vostro pediatra o uno specialista che sappia consigliarvi al meglio analizzando la tipologia di Ernia

Foto via askamum.co.uk
livelifeinhealth.com 

Pin It
Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...