Ticket Fecondazione In Vitro

In Italia, grazie al progredire della medicina, la procreazione assistita sta diventando un vero fenomeno: le coppie con problemi di fertilità possono far ricorso ad una tecnica chiamata FIVET (Fertilizzazione In Vitro con Embryo Transfer) che permette a migliaia di uomini e donne di concepire un bambino grazie alla fecondazione in vitro dell’ovulo.
Le coppie possono decidere se farlo in strutture private o pubbliche pagando ovviamente compensi diversi: proprio in questi giorni però è scoppiato lo scandalo del Ticket per la Fivet in Toscana dove, dalle attuali 100 euro, il prezzo arriverà a quota 700 euro, limitando di molto il numero di “potenziali” beneficiari di tale cura.

Se pur il prezzo resterà molto più contenuto rispetto alle strutture private, questo rialzo così marcato provocherà ovviamente una riduzione del numero di coppie disposte a fare questo tenativo per diventare genitori

Le associazioni di settore hanno commentato amaramente questa decisione: Monica Soldano, presidente di “Madre Provetta“, ha dichiarato

“Purtroppo devo dire che la Toscana, che è stata l’unica regione ad aver veramente aperto la porta sulla fecondazione assistita, questa volta ha fatto un passo indietro. L’infertilità è considerata ancora qualcosa di secondario, al pari di un problema estetico. La Toscana ha il merito di essere stata la prima regione a trattarla come una questione di salute. Adesso purtroppo qualcosa è cambiato”.

Deluse anche le associazioni delle future mamme che commentano la notizia con rabbia e frustrazione, affermando che a questo punto è molto meno costoso rivolgersi all’estero per questo tipo di cure perchè in Italia, questi “nuovi” malati, vengono considerati come malati di serie B.

Siete d’accordo con le associazioni o è giusto contribuire concretamente alla spesa per garantire agli ospedali i fondi per sostenere gratuitamente i cicli di chemioterapia o simili?

Pin It
Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...